Close Search
Post image
cucito a mano , Moda fai da te , tessuti
18 Novembre 2022

I tessuti migliori per iniziare a cucire

Hai appena iniziato a cucire e ti chiedi quale siano i tessuti migliori per il tuo progetto? Come per ogni hobby creativo, all’inizio non è facile conoscere e orientarsi nella scelta dei materiali per il proprio progetto. Niente panico: seguendo poche e semplici regole imparerai a scegliere il tessuto perfetto senza avere brutte sorprese.

Nel precedente articolo ti ho parlato dei 3 cartamodelli AVN6 ideali per iniziare a cucire. Qui vediamo invece quali sono i tessuti migliori se sei principiante e vuoi ottenere comunque un buon risultato, senza perdere la testa!

Come orientarsi nel mercato dei tessuti

Dal 2018, mi occupo di vendita di tessuti nella mia boutique online. Da operatrice del settore, mi rendo conto come muoversi in questo universo non sia così scontato: esistono tantissime tipologie di lavorazione e tante nuove fibre che, grazie all’avanzamento della tecnologia, si affacciano ogni giorno in questo mercato.

Per i corsi di cucito che tengo da qualche anno, ho dunque stilato una lista di caratteristiche che un tessuto deve o non deve possedere per essere adatto ai primi esperimenti di cucito. Vediamo insieme quali sono.

tessuti per cucito

Le caratteristiche vincenti

Ecco dunque i miei consigli su quale tessuto scegliere:

  • non stretch (ovvero che contiene elastan): i tessuti cosiddetti a “navetta” sono ideali per iniziare a cucire perché più facili da tagliare e gestire sotto la macchina da cucire. I tessuti stretch o a maglia prevedono un trattamento e una lavorazione differente e una certa abilità con la macchina da cucire;
  • “fermo” ed evitare tessuti troppo fluidi che necessitano particolari attenzioni durante la fase di taglio e assemblaggio;
  • di peso medio leggero: la scelta di un tessuto molto pesante potrebbe essere difficile da gestire sotto la macchina da cucire a causa dei grandi spessori che si potrebbero creare durante l’assemblaggio delle varie parti del cartamodello prescelto così come la scelta di un tessuto troppo leggero potrebbe risultare difficile da assemblare;
  • a tinta unita o con una piccola fantasia che non necessiti dei raccordi; i tessuti a righe, quadri o con fantasie che seguono uno schema ripetitivo possono complicare la fase di taglio poiché necessitano il raccordo della fantasia e quindi maggiore attenzione durante il piazzamento delle varie parti del cartamodello;
  • con il dritto ed il rovescio ben riconoscibili: la scelta di un tessuto che ha il dritto ed il rovescio molto simili tra loro può confonderti durante la confezione del capo rischiando di assemblare le varie parti del cartamodello in modo errato;
  • con una superficie “opaca”: evitare le superfici lucide tipo satin poiché la superficie lucida e “scivolosa” rende l’assemblaggio più difficile e richiede una certa esperienza con la macchina da cucire.

Principiante? Cotone!

Adesso che ti ho indicato quali caratteristiche deve avere o non avere un tessuto, vediamo alcune tipologie che possono essere adatte alla realizzazione di un progetto di cucito sartoriale se sei principiante. Il tessuto migliore per iniziare a cucire è senza dubbio il cotone: un tessuto fermo, facile da tagliare e cucire, piacevole da indossare e 100% naturale.

Tra le varie lavorazioni che si possono trovare in commercio ti consiglio di optare per:

  • un popeline di cotone: uno dei materiali più comuni e facili da trovare; di solito utilizzato per la confezione di camicie, camicette, bluse, accessori o abiti per bambini. È un tessuto fermo e perciò facile da tagliare e gestire sotto la macchina da cucire;

popeline di cotone

  • una gabardina di cotone: un tessuto solido e fermo che può essere trovato in diverse composizioni. Per iniziare ti consiglio una gabardina in 100% cotone di un peso leggero o medio. La gabardina è ben riconoscibile grazie alla sua classica trama di linee diagonali. Attenzione, evitare la gabardina che contiene elastan;

gabardina di cotone

  • un pizzo di sangallo: debuttare non vuol dire rinunciare al bello. Anche se solitamente questa tipologia di tessuto è molto leggera rispetto ad un popeline di cotone classico, il ricamo dona una certa struttura al tessuto rendendolo fermo e facile da gestire. Ovviamente l’ideale è che sia 100% cotone;

pizzo di sangallo

  • una tela di cotone: la lavorazione più classica di questa fibra. La tela di cotone è più sostenuta rispetto al classico popeline ed è ideale se devi realizzare un progetto che richiede una certa struttura;

tela di cotone

  • un denim leggero: parlando di cotone non possiamo dimenticare una delle lavorazioni più conosciute e utilizzate nel mondo della confezione: il denim. Attenzione però alla pesantezza di questo tessuto fermo e resistente, all’inizio è bene optare per un denim leggero per evitare i grandi spessori difficili da gestire sotto la macchina da cucire;

tessuto denim per cucito

  • una flanella di cotone: il tessuto ideale per le più freddolose. Non sempre facile da trovare, la flanella di cotone, pur essendo 100% cotone, ha una particolare lavorazione che le dona da un lato una superficie molto morbida e calda, rendendola perfetta da indossare anche nei mesi invernali!

flanella di cotone per cucito

Adesso che ti ho indicato alcuni dei migliori tessuti per iniziare a cucire, è il momento di metterti all’opera! Ti invito quindi sulla mia boutique online AVN6 per scoprire la selezione di tessuti, cartamodelli e merceria ideale per iniziare il tuo primo progetto di cucito sartoriale. Buon cucito!

Francesca AVN6

ALTRI ARTICOLI DI ATELIER VICOLO N.6
Tre cartamodelli perfetti per iniziare a cucire Tre cartamodelli perfetti per iniziare a cucire
Cucito e filato Tre cartamodelli perfetti per iniziare a cucire
Guarda
Tutorial Copertina Quaderno fai da te in tessuto Tutorial Copertina Quaderno fai da te in tessuto
Cucito e filato Tutorial Copertina Quaderno fai da te in tessuto
Guarda
10 Consigli sul Cucito Sartoriale 10 Consigli sul Cucito Sartoriale
Cucito e filato 10 Consigli sul Cucito Sartoriale
Guarda